Widget Image
Widget Image
Questo magazine nasce dalla voglia di comunicare e preservare la nostra passione per l’esistenza dello stile dando valore alla conoscenza, l’innovazione abbinata a nuove forme di bellezza.

Subscribe to our newsletter

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit, sed diam nonummy nibh euismod tincidunt ut laoreet dolore magna aliquam
[contact-form-7 404 "Not Found"]

Project Alloy

“A volte mi chiedo se la realtà esiste davvero, se c’e veramente una natura delle cose, obiettiva e intatta. O se tutto ciò che ci accade e già modificato in anticipo dalla nostra immaginazione. Se sognando qualcosa gli diamo vita” (Chitra Banerjee Divakaruni). Un dilemma che forse ha trovato una prima risposta concreta: un computer, processore grafico per il rendering VR degli ambienti, camere Realsense per mappare in tempo reale la vita circostante ed interagire con i propri sensi fisici quali dispositivi di input, in una sola sigla Project Alloy. L’Intel Developer Forum 2016 si è chiuso con l’anticipazione di Project Alloy, un visore per la ‘merged reality’ senza li e con computer integrato, che sbarcherà nel 2017, con Windows Holographic, la piattaforma VR Microsoft in arrivo su Windows 10. All in one, là dove in un unico istante la realtà virtuale e il mondo collidono per prendere forma nell’ideazione e progettazione irreale, ma con percezioni materiche di Project Alloy.

 

Un passo nell’universo della realtà estesa che segnerà una linea di demarcazione con il passato e stravolgerà il modo di percepire la realtà virtuale, posizionandosi come fonte di soluzione grazie alla tecnologia Intel RealSense. La demo presentata sul palco a chiusura dello scorso Forum, è ancora in fase di perfezionamento, ma la reciprocità delle corpo fondersi assieme all’ambiente esteso irrealmente, ne è stata una sorprendente rappresentazione.

 

Post a comment