Widget Image
Widget Image
Questo magazine nasce dalla voglia di comunicare e preservare la nostra passione per l’esistenza dello stile dando valore alla conoscenza, l’innovazione abbinata a nuove forme di bellezza.

Subscribe to our newsletter

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit, sed diam nonummy nibh euismod tincidunt ut laoreet dolore magna aliquam
[contact-form-7 404 "Not Found"]

Le Essenze de le Mortelle

ICONIC WINE | Emanuele Milani

 Nel cuore della Maremma Toscana, a poca distanza da Castiglion della Pescaia, si estende tra le magnificenze naturalistiche della zona, Fattoria Le Mortelle della Famiglia Antinori.

 

Presente in queste terre fin dal lontano 1863, l’area della tenuta, la quale prende il nome da un arbusto tipico delle coste maremmane, la Mortella, si estende per 270 ettari complessivi, 170 dei quali dedicati alla coltivazione di vigneti per la produzione di vini di alta qualità; a ciò, si accompagna la coltivazione di alberi da frutta (pesche, susine, pere, mirtilli e albicocche) su un terreno di 5 ettari, una sughereta composta da oltre 10.000 piante, due laghi e la bellissima Oasi della Diaccia Botrona.

Il terreno, composto in prevalenza da argilla e scheletro, e il clima asciutto tipico della costa tirrenica, fanno di questo terroir un luogo ideale per la coltivazione del Cabernet Sauvignon, Cabernet Franc e del Carménère oltre che per le varietà a bacca bianca quali il Vermentino, l’Ansonica ed il Viogner.

Una volta giunta a maturazione, l’uva viene destinata alla Cantina della tenuta, posta in essere secondo un’intelligente logica di armonizzazione con l’ambiente naturale circostante; essa è una costruzione ipogea, quasi interrata completamente, e progettata per una lavorazione verticale dell’uva, attraverso un pubblico percorso in cui le persone possono ammirare i passaggi della fermentazione, dell’affinamento e dell’imbottigliamento del vino prodotto.

 

 

 

La cupola, ricoperta da roccia vulcanica e dalla macchia mediterranea, protegge i tre piani dove si realizza il ciclo del vino, il processo di produzione avviene in toto all’interno del percorso verticale, per mezzo di un processo “a cascata” dall’alto verso il basso, in modo da sfruttare al massimo l’efficienza delle migliori tecnologie di produzione vinicola a disposizione.

 

Questa peculiarità tecnica si inserisce in una politica di lavorazione e produzione ecosostenibile e rispettosa dell’ambiente, promossa dalla Famiglia Antinori all’interno de Le Mortelle. Nei vigneti vengono utilizzate tecniche di agricoltura di precisione, lotta fitosanitaria mirata e sovesci, mentre, grazie alla sua particolare architettura e ai suoi componenti naturali, la cantina permette un risparmio energetico (grazie ad una illuminazione delle aperture lamellare), una fitodepurazione delle acque residue, e il riutilizzo dei bio-scarti e dell’anidride carbonica prodotti durante la produzione vinicola.

 

 

Questa acuta politica, insieme a tecniche di produzione all’avanguardia, danno vita a vini pregiati, di alta qualità gustativa e dagli aromi unici e inconfondibili.

Nei vigneti vengono utilizzate tecniche di agricoltura di precisione, lotta fitosanitaria mirata e sovesci, mentre, grazie alla sua particolare architettura e ai suoi componenti naturali, la cantina permette un risparmio energetico (grazie ad una illuminazione delle aperture lamellare), una fitodepurazione delle acque residue, e il riutilizzo dei bio-scarti e dell’anidride carbonica prodotti durante la produzione vinicola.

 

 

A Le Mortelle vengono prodotti vini profondamente diversi, accomunati dalla volontà di esprimere l’unicità e l’armonia del territorio secondo differenti prospettive. Poggio alle Nane, un Maremma Toscana DOC dalla grande complessità aromatica e una trama tannica elegante, è il risultato dell’unione delle migliori uve di Cabernet Sauvignon, Cabernet Franc e Carménère provenienti da Poggio delle Nane, l’area più vocata della tenuta. Botrosecco, Maremma Toscana DOC, è un vino intrigante caratterizzato da aromi di confettura di more selvatiche e caramello uniti a sensazioni di eucalipto e menta, mentre il gusto di soffici tannini anticipano un dolce finale al sentore di cioccolato e ciliegia candita.

Infine Vivia, anch’esso Maremma Toscana DOC, vibrante e minerale ma al tempo stesso fresco, con un retrogusto di scorza di cedro, ottenuto dall’unione del Vermentino con l’Ansonica ed il Viognier. Inconfondibile il suo intenso profumo, con note di frutta matura a polpa bianca, ananas, mango e fiori di limoni.

 

Web: antinori.it

 

 

 

 

Post a comment