Widget Image
Widget Image
Questo magazine nasce dalla voglia di comunicare e preservare la nostra passione per l’esistenza dello stile dando valore alla conoscenza, l’innovazione abbinata a nuove forme di bellezza.

Subscribe to our newsletter

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit, sed diam nonummy nibh euismod tincidunt ut laoreet dolore magna aliquam
[contact-form-7 404 "Not Found"]

La Grande Stagione Parigina

ICONIC ART |M.T.

Un progetto grandioso. Un galeone brillante con dodici vele di vetro come copertura per un totale di dodici mila metri quadrati di superficie immersa nel verde della periferia parigina.

 

La Fondazione Louis Vuitton di Parigi, concepita e creata dal genio di Frank O. Gehry, il famoso architetto del Guggenheim di Bilbao, è totalmente immersa nel meraviglioso parco Bois de Boulogne, uno dei più grandi e frequentati della capitale, situato lungo la Senna appena fuori Parigi. L’architetto canadese, da sempre impegnato nella sperimentazione di nuove forme e geometrie, fa qui un disinvolto e audace utilizzo di materiali quali legno, vetro e lamiere per la struttura nella sua interezza, celebrando la casa madre con le lettere LV brillantemente poste sulla facciata. Alla maestosità dell’edificio fanno da contraltare la posizione nel parco, le naturali linee morbide e stravaganti e i giochi di luci e riflessi che inondano le grandi sale del museo.

      

Lo spazio ospita collezioni permanenti, mostre temporanee ed eventi culturali che riguardano l’arte contemporanea, in tutte le sue forme. In programma un fitto calendario di mostre per la stagione autunnale e invernale. Si inizia con un duo, uno scontro tra i “titani” Egon Schiele e Jean-Michel Basquiat, in mostra dal 2 ottobre fino al 14 febbraio. Dal 20 febbraio invece sarà la volta dei colori pastello, dei paesaggi accennati e dei caffè parigini: arriverà infatti la collezione voluta e costruita dal mecenate inglese Samuel Courtauld (1876-1947) con la mostra The Courtauld Collection. A Vision for Impressionism, realizzata anche grazie alla collaborazione della Courtauld Gallery.

Web: fondationlouisvuitton.fr

Post a comment