Widget Image
Widget Image
Questo magazine nasce dalla voglia di comunicare e preservare la nostra passione per l’esistenza dello stile dando valore alla conoscenza, l’innovazione abbinata a nuove forme di bellezza.

Subscribe to our newsletter

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit, sed diam nonummy nibh euismod tincidunt ut laoreet dolore magna aliquam
[contact-form-7 404 "Not Found"]

A collector’s House

ICONIC EXHIBITION | Autore Delfina Remi

255 anni di heritage, savoir-faire squisito e raffinato tocco francese, la Maison ha inaugurato lo scoro 6 novembre, BACCARAT, A COLLECTOR’S HOUSE, la prima e più grande mostra mai realizzata fuori dalla Francia. In collaborazione con l’Hengfu Art Center, in una dimora del 1928, magnificamente restaurata, ubicata all’interno di quella che era la Concessione Francese, sono stati esposti 400 capolavori delle sue collezioni storiche, originali e unici, fatti a mano nel corso dei secoli dagli artigiani della manifattura situata nel paese di Baccarat, in Lorena, sin dal 1764.

La raffinata messa in scena ci conduce alla fine degli anni 1920, quando Shanghai era nota come “La Parigi d’Oriente”, un fiorente centro di nuove forme d’arte e di intrattenimento. In questa dimora vive un appassionato amante dell’arte, un collezionista devoto che ha viaggiato il mondo per raccogliere pezzi unici, tra cui Il Candelabro dello Zar, così chiamato in onore dello Zar Nicola II, che lo ammirò in occasione dell’Esposizione universale di Parigi nel 1878 nello splendore delle sue 79 candele, 3,85 metri di altezza e 3.320 pezzi di cristallo; Il Tavolo e la Barca, emblema della Città di Parigi, creato per la Fiera mondiale del 1889 su modello dello scultore Charles-Vital Cornu, un imponente complesso di 750 chili di cristallo per oltre 3700 ore di lavoro degli artigiani Baccarat; il Vascello del deserto, un bruciatore di profumi a forma di dromedario; Il Vaso Papavero creato da Georges Dunaime per l’Esposizione internazionale di arti decorative e industriali di Parigi del 1925; Jets d’eau, il monumentale lampadario creato da Baccarat e Georges Chévalier sul tema ufficiale dell’Esposizione Internazionale delle Arti Moderne e Decorative del 1925, l’acqua: una cascata di cristallo di oltre 7000 pezzi tra perle sfaccettate e pendenti. Un eccezionale mostra resa possibile grazie al prezioso supporto di alcuni storici partner di Baccarat: Chrome Hearts, la società americana di luxury goods, la francese Guerlain e la società cinese Shengdao.

Un’area dedicata darà spazio all’estetica di lusso con una selezione di pezzi contemporanei progettati in collaborazione con Chrome Hearts, vasi, decanter, bicchieri e posacenere incisi con raffinati motivi incarnano le icone dell’azienda con sede a Los Angeles e le eclettiche, infinite possibilità del cristallo.

La mostra espone anche una preziosa collezione di flaconi da profumo creati da Baccarat per la Maison Guerlain. Veri oggetti del desiderio – ognuno con una propria storia, come “Shalimar”, “Mitsouko”, “Liu”, “L’Heure Bleue” e “Coque d’or” – sono diventati i bestseller delle fragranze all’epoca e rimangono stupendi testimoni della lunga relazione tra le due Maison francesi. Infine, Baccarat ringrazia Shengdao e il suo CEO per il supporto nell’organizzazione della mostra e Art & Deco e JunNan Furniture Co, Ltd di Shanghai per i magnifici arredi che completano l’allestimento di Baccarat, A Collector’s House, un sogno che illumina un’eleganza senza tempo.

Web: baccarat.it

Post a comment